Buona la prima: all’esordio il massimo campionato

Paolo Imperatori

Buona la prima, così dice il regista quando chiude la scena con soddisfazione.

E la giornata d’esordio del campionato di calcio di serie A è andata. Come avevano detto tutti la Juventus è la squadra da battere, e infatti il Chievo Verona in casa ci ha provato (2-3). A metà della seconda frazione era ancora in vantaggio per due a uno, ma l’esperienza della squadra di Torino e le individualità hanno permesso ai bianconeri di rovesciare il risultato. Vantaggio al 3° della Juve con Kedhira su punizione di Pjanic ribaltato al 38° da Stepinsky e dal rigore al 55° di Giaccherini. La rete del momentaneo pareggio al 75°, in realtà uno sfortunato autogol di Bani, su tocco di un ottimo  Bonucci. A tempo scaduto (93°) Bernardeschi sigilla una partita con un CR7 notevole a cui è mancato solamente il gol. La solita Juventus di carattere e in cui se non segna chi dovrebbe segnano gli altri.

Il primo scontro al vertice Lazio-Napoli va di misura (1-2) al Napoli e va stretto alla Lazio. Ha comunque giocato bene ma l’iniziale, e bellissima, rete di Immobile non è bastata a frenare un Napoli che crescendo ha saputo ribaltare il risultato. L’ha fatto con i suoi pilastri Milik al 47° pt e Insigne al 14° st. Un palo allo scadere da recriminare per una Lazio che ha ben giocato ma la bravura del Napoli e di Ancelotti, al rientro dopo nove anni su una panchina italiana, hanno prevalso.

L’anticipo della prima domenica Torino-Roma va alla squadra della capitale (0-1)Roma al solito farraginosa e prevedibile, orfana di Nainggolan, riesce grazie alle individualità ad avere ragione del Toro. Torino, che il VAR ha anche privato di una rete, punito all’89° da una bella girata in area di Dzeko molto ben imbeccato da un Kluivert degno del suo cognome.

Il rientro del Parma in serie A, Parma-Udinese (2-2), delude un po’ i suoi tifosi. In doppio vantaggio con Inglese al 46° e Barillà  al 14° della ripresa si fa rimontare su rigore, del Var, da De Paul al 20° e da Fofana su assist ancora di De Paul al 23°. Risultato buono per entrambe le squadre.

Decisamente positivo il ritorno in prima serie dell’Empoli, Empoli-Cagliari 2-0, che con un gol per tempo hanno la meglio su un Cagliari ancora da rodare. Krunic al 14° conclude in porta rifinendo un bel fraseggio sulla trequarti. Blanda la reazione del Cagliari e per di più con mira difettosa. Da manuale invece al 51° la triangolazione tra Zajc e Caputo, non altrettanto l’intervento di Cragno su quest’ultimo che si lascia sorprendere con facilità. Da registrare un palo di Pavoletti al 61°, ma finisce lì.

Il derby emiliano tra Bologna e Spal 0-1, va agli ospiti con un infelice debutto sulla panchina del Bologna per Pippo Inzaghi. Partita comunque opaca decisa da un gran tiro a giro di Kurtic al 71° e poco altro da dire a parte un palo di Helander al 90°. Palo che avrebbe salvato il risultato ma non questa prima partita del Bologna di Inzaghi.

Non poteva mancare la sorpresa della prima di campionato. Un Sassuolo dal primo tempo scintillante da veri padroni di casa e una ripresa guardinga contro un’Inter molto disordinata vince di misura(1-0). L’episodio del rigore ancora una volta sentenziato dal Var al 27°. Trattenuta leggerissima di Miranda su Di Francesco, che forse fa poco per rimanere in piedi, e Mariani indica il dischetto.
Allo specialista Berardi l’onere della trasformazione, il suo sinistro è indirizzato su Handanovic che non riesce a respingere ma avrebbe potuto. Un bel Sassuolo e un’Inter che sembra debba ancora fare qualche chilometro di rodaggio.

Chiude la prima giornata la partita di Bergamo tra Atalanta e Frosinone (4-0). Debutto difficile per il Frosinone al rientro in prima classe contro una Atalanta che di serie A se ne intende. Gomez (14°), un destro al volo di Hateboer  (48°) e  Pasalic (61°) su grande discesa a sinistra di Gomez. Il suggello forse eccessivo per il Frosinone ancora di Gomez su lieve deviazione di Salamon al 47°. Ma i ciociari davvero oggi di più non potevano.

Come sapete sono state rinviate le partite del Genoa (Milan-Genoa al 31/10) e della Sampdoria (Sampdoria-Fiorentina al 19/09)  a causa del noto lutto della città di Genova.

Sotto gli incontri della prossima giornata a partire dall’anticipo Juventus-Lazio di sabato 25 fino al posticipo Roma-Atalanta di lunedì 27 e la classifica provvisoria.

Leave a Comment

Your email address will not be published.