ALL LATESTLIFESTYLESALUTE E BELLEZZASPETTACOLO

EMANUELE PUZZILLI: ODONTOIATRIA COSMETICA E L’ARTE DEL SORRISO

Emanuele Puzzilli è un dentista specializzato in estetica dentale. Il suo genio fuoriclasse gli ha permesso di curare il sorriso di tanti pazienti, inclusi i personaggi dello spettacolo, incrementadone notevolmente la qualità di vita. Andiamo ad intervistarlo, per capire meglio di cosa si occupa:

Com’è diventato il dentista dei vip?

Dedicandomi in maniera selettiva ed elettiva all’odontoiatria estetica, ho incominciato a fare trattamenti innovativi che attraverso i social networks, hanno raggiunto i personaggi dello showbiz e da quel momento in poi, c’è stato un passaparola che mi ha permesso di curare il sorriso di tanti personaggi noti, come Simona Ventura, Giulia De Lellis, Andrea Iannone e tanti altri.

Il fatto di essere il dentista di personaggi famosi è sicuramente motivo di prestigio ed un privilegio di pochi talentuosi, ma ciò rappresenta inevitabilmente una grande responsabilità, in quanto bisogna essere i più bravi tra i bravi. Come gestisce questo eccesso di impeccabilità nel suo operato?

Dunque, il 90% di miei pazienti sono persone “comuni” che si sentono importanti nell’essere curati da un professionista serio ed affidabile. Inoltre, essendo uno tra i primi che ha lanciato sul territorio italiano l’estetica dentale con le faccette in ceramica, gli sbiancamenti particolari ed altre tecniche innovative nel campo odontoiatrico, ho cercato di incrementare costantemente il mio know how. Inoltre prima di ogni lavoro, ho delle previsioni digitalizzate dei sorriso che poi andrò a creare, che confermano appieno le aspettative sia mie, che dei pazienti, con risultati soddisfacenti per tutti.

Quali sono i contro di lavorare con i personaggi dello spettacolo?

Un aspetto negativo è sicuramente il fatto che per una mia organizzazione lavorativa, posiziono i lavori più importanti e impegnativi la mattina presto, ma tanti personaggi famosi che fanno serate o spettacoli di sera, vengono a curarsi nel pomeriggio dopo ore e ore di lavoro, perciò questo può essere un disagio, ma nulla di così insormontabile. Inoltre per rendere ciascun mio paziente speciale (e non solo i vip), ho una rete di circa cinquanta professionisti tra medici, customer care, igienisti, etc., che li affiancano e li guidano nel loro percorso.

Qual è la cosa che più la rende felice dopo aver curato i suoi pazienti?

Sicuramente i riconoscimenti e la gratitudine che mi arrivano attraverso interviste, video e foto sui social. Quando spii dalla finestra e vedi il paziente soddisfatto che vuole condividere col mondo intero il suo nuovo sorriso, per me la gratificazione più grande in assoluto che viene molto prima di quella economica.

Invece qual è la cosa che la rende più felice in generale?

Io sono una persona che vive molto di riflesso, per cui se tu sei felice, lo sono anche io. Perciò la cosa che più mi rende felice è vedere felici le persone accanto a me. Amo molto la positività che è la causa scatenante della mia felicità.

Quanto è importante oggi l’estetica del sorriso?

La mia attività principale è proprio incentrata sulla rimozione di tutto ciò che negli anni, l’odontoiatria tradizionale aveva di visibile, quindi dagli apparecchi ortodontici che oggi sono invisibili, ai vecchi restauri protesici metallici che oggi sono fatti di materiali innovativi, perciò tutto ciò che concerne il mio operato è completamente estetico, termine che va a pari passo con la funzionalità. Infatti dico sempre a tutti i miei pazienti che senza la funzione, non ci può essere estetica, in quanto quest’ultima è figlia della funzione odontoiatrica, perciò prima si pensa a riabilitarla e poi si procede con l’estetica. Non dimentichiamo che il sorriso è la prima cosa che viene notata e che dà sicurezza sia personale, che nei rapporti interpersonali.

Si usa dire “Mens sana in corpore sano”: quanto è importante per lei vivere in un corpo sano e quali strategie adotta per essere sempre in forma a 360 gradi?

E’ molto importante ed è fondamentale mangiare sano, fare attività fisica e ritagliarsi del tempo per sè. Io ad esempio, cerco di ritagliarmi due giorni al mese tutti per me e per dedicarmi al mio corpo e alla mia mente. Noi siamo figli di ciò che mangiamo, dell’attività fisica che facciamo o non facciamo e a lungo andare, se non si adotta uno stile di vita sano ed equilibrato, si paga tutto. Ho un nutrizionista che segue personalmente il mio piano alimentare e mi guida costantemente nel mio percorso, mentre per quanto concerne l’attività fisica, faccio fitness e vengo seguito da un ex calciatore di serie A molto importante, che mi aiuta a fare esercizi che servono a migliorare la muscolatura e la salute in generale.

Tags

Articoli correlati

Back to top button
Close
Close